Eroico chi? Eroico che cosa?

Atropa belladonnaChe cosa pensate quando sentite parlare di una pianta? Se si può mangiare. Se è velenosa e quindi “guardare e non toccare”. Se può essere ornamentale o se ha un uso in medicina tradizionale. Se è bene starne alla larga perché stupefacente. Una pianta “eroica”? Mai sentito!

Senza dubbio le piante riescono ad adattarsi, a crescere ovunque, sono pioniere di habitat e colonizzatrici di aree incolte ed urbane, ma eroiche? Diventeranno anche protagoniste di romanzi?

Il termine “eroico” non ha virtù morale nel regno vegetale. Le piante, dell’eroismo come noi intendiamo, non se ne fanno niente.

Si definisce “eroica” una pianta (e più precisamente una droga di una pianta) che contiene una sostanza ad azione così potente da oscurare quella di tutti gli altri composti presenti.

Facciamo alcuni esempi: il Papaverum somniferum il cui bulbo contiene un lattice denominato oppio da cui si può ottenere la sostanza che, isolata nel 1817, ha dato avvio alla “Drug discovery”: la morfina.

Vi è capitato di andare dall’oculista e, dopo alcune gocce di una soluzione negli occhi, voi ci vedeste sfocato? Quella soluzione contiene atropina e l’oculista la usa per dilatare le vostre pupille. L’atropina è il potente principio attivo contenuto nelle bacche dell’Atropa belladonna, pianta considerata una vera a propria life-style drug nel Rinascimento: le dame di quell’epoca la usavano per dilatarsi la pupilla perché ritenute più attraenti (da qui il nome belladonna), o probabilmente per non vedere bene i propri cavalieri. Attenzione perché l’Atropa è una pianta molto tossica!

Siete fumatori? Avete con voi una droga eroica: le foglie di Nicotiana tabacum che contengono nicotina, un alcaloide non stabile alla combustione del tabacco. Se così non fosse e se voi riusciste ad assorbire tutta la nicotina contenuta in una sigaretta, non vivreste tanto a lungo da fumarvi due pacchetti di sigarette.

Le droghe eroiche sono quindi parti di piante (frutto, bulbo, foglie, corteccia, radici ecc…) che contengono una sostanza la cui azione è così potente (e quindi pericolosa) che il suo dosaggio deve essere molto preciso e controllato. L’impiego in medicina delle droghe eroiche, non può essere sotto forma di un estratto vegetale, ma come principio attivo purificato. Ricordatevi: le piante non mettono le radici per salvarvi la vita. Tutt’altro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...